Stai per imbarcarti in un progetto di ristrutturazione del tuo appartamento? Concentrati pure sulle priorità  ma ricordati di non sottovalutare i dettagli: il battiscopa, per esempio, può diventare una vera scelta di design.

La funzione principale del battiscopa, altrimenti detto zoccolino, è quella di proteggere il muro dall’urto dei mobili evitando così che si rovini. Nato con una funzione prettamente decorativa, tanto che all’inizio veniva solo dipinto sul muro, oggi è diventato un elemento architettonico essenziale. Si presta a molteplici utilizzi: può essere fonoassorbente e quindi servire a contenere il rumore sino a diventare parte integrante degli impianti.

Il materiale tradizionalmente usato per i battiscopa è il legno, che ancora oggi va per la maggiore. Naturalmente, il pregiato e costoso legno massello al giorno d’oggi è stato sotituito da materiali più abbordabili economicamente, resistenti e molto versatili a livello estetico: mdf (fibre di legno pressate) laccatocompensato, e impiallacciato, cioè che contiene solo una lamina esteriore di legno pregiato.

I battiscopa in legno sono abbinabili a qualsiasi pavimento e sono disponibili nei più svariati colori. All’occorrenza possono anche essere verniciati.

Suggerisco alcuni consigli che vi aiuteranno nella scelta.

– Il battiscopa deve essere sempre di legno, anche se avete un pavimento in gres.

– Il battiscopa deve essere abbinato al coprifilo delle porte, meglio se a fornirvelo è proprio il produttore delle porte, oppure lo potete       abbinare al pavimento in legno utilizzato nella ristrutturazione, nel caso di un pavimento diverso dal legno lasciatevi guidare dal          colore cercando di abbinarlo con gusto.

– Potete usare il battiscopa bianco solo in due casi:

 con pareti bianche, ottimo sistema per mimetizzarlo o con pareti colorate solo se tinteggerete anche il battiscopa per mimetizzarlo.

 

CONTATTACI PER AVERE UN PREVENTIVO GRATUITO